Sabato 3 e Domenica 4 Novembre Marciapiedi Vol.4 / Street Photography Expo

MARCIAPIEDI Vol. 4 / Street Photography Expo
Esposizione foto di Fabio Moscatelli + 10 fotografi indipendenti.

–PARTECIPA ALL’OPEN CALL PER ESPORRE LE TUE FOTOGRAFIE:
——–>> LINK REGOLAMENTO: https://drive.google.com/open?id=14UX8BEx59D-eFhIXbsFWtt0EXzDjf6bw

Sabato 3 e Domenica 4 Novembre torna a GarageZero la quarta edizione di Marciapiedi Street Photography Expo.
Il progetto Marciapiedi nasce nello spazio espositivo autogestito GarageZero, al Quadraro, da un collettivo di attivisti/e e fotografi/e di Roma.
L’obiettivo è stare dentro le questioni che animano la vita lontano dal centro delle città, affrontare attraverso la fotografia le contraddizioni delle periferie del mondo, essere un luogo d’incontro in cui l’arte e le lotte sociali si fondono per tentare di arginare il mare di ignoranza e razzismo da sempre legato alle condizioni di vita nei quartieri.
Esposizioni fotografiche indipendenti, racconti audiovisivi, dibattiti, aperitivi e dj set nel cuore della periferia romana.

Continua a leggere

Annunci

“SEMI”, sei metri sotto il suolo al Quadraro; il video della mostra realizzato da Gaetano Accettulli


La performance di Soledad Agresti “Il traguardo”durante la mostra “SEMI”

“Nella performance “Il Traguardo”, esploro per l’appunto la paura e la frustrazione di una personale impotenza: una meta, un sogno, un desiderio irraggiungibile.  Ogni qualvolta il problema ci appare soverchiante ci troviamo intrappolati in un infinito e ripetitivo momentum che, volente o nolente, lascia le sue tracce in noi e intorno a noi.
Più volte, nel mio percorso artistico, ho indagato il sentimento di impotenza; ho usato media differenti: pittura, scultura e ora performance. Visualizzato come menomazione, mancanza, amputazione o impedimento esso è pervaso da un’immensa energia: fiume carsico, lava che scorre, una crescente pressione che può esplodere o implodere.”
Soledad Agresti


23 – 31 ottobre 2018: “SEMI”, sei metri sotto il suolo

GarageZero Gallery, Via  Treviri  Roma (dietro Largo Spartaco, Metro A Numidio Quadrato o Lucio Sestio)

23-31 ottobre ottobre
opening 23 ottobre h. 18-22
gli altri giorni  h.19-22

SCULTURA     INSTALLAZIONI     VIDEO     FOTOGRAFIA

In esposizione opere di:

GAETANO ACCETTULLI    SOLEDAD AGRESTI    SANTO ALESSANDRO BADOLATO    LUIGI BATTISTI    DOMENICO CORDÌ    CARMELA COSCO    DEHORS/AUDELA    ELENA DIACOMAYER    RENATO FLENGHI    PAOLO GARAU    EHAB HALABI ABO KHER    VITO LELLA    PAOLO MIGLIAZZA    FRANCESCO PETRONE    JAQUELINE GISELE RODRIGUEZ    SISETTA ZAPPONE

Presentazione di Giuseppe Capparelli

Mostra collettiva curata da Santo Alessandro Badolato e Vito Lella

Continua a leggere


“Becoming a dead person” e “Bodies in Ruins” nella Giornata del Contemporaneo


La Vie des Amies: “Becoming a dead person” 13-14 ottobre 2018

In occasione della Giornata del Contemporaneo “La Vie des Amies “ presentano il loro ultimo video “Becoming a dead person”.

Quest’anno “le amiche” diventano una persona morta.

Il collettivo artistico“La Vie des Amies “è un organismo sociale fluido e aperto, in cui le artiste che lo costituiscono cambiano continuamente a seconda di uno “score” (istruzioni) che muta ogni anno.

L’operazione svolta  dalle “amiche”, attive in vari paesi europei su contenuti sociali e in particolare sui temi del femminismo, consiste nella realizzazione simultanea di frammenti filmici in luoghi diversi. L’obiettivo è quello di recuperare lo spazio urbano e la quotidianità della vita attraverso un rituale cinematografico collettivo. Catturando i modi di esistenza di un gruppo contingente (le “amiche”), la gerarchia della telecamera si interrompe  per testare un altro tipo di comunità, quella dell’amicizia. Il prodotto finale è un’opera filmica autoprodotta, realizzata collettivamente.

“Quando scese la sera del primo giorno di battaglia, avvenne che in molti luoghi di Parigi, indipendentemente e nello stesso tempo, si sparasse contro gli orologi delle torri.”
Walter Benjamin
Continua a leggere


Graffiti Zero/Warriors: le immagini

 

 

 

 

 

 

 

Foto: Federica Tafuro